Fraternità della Riconciliazione

La Fraternità della Riconciliazione è un’Associazione pubblica clericale costituita nella Diocesi di Albano con decreto vescovile del 1° novembre 1999.

Nata in un preciso ambiente e in un luogo, che dal suo sorgere, lo Spirito Santo ha ispirato fosse “Centro della Riconciliazione”, i suoi membri si sentono chiamati ad annunziare, con le parole e con la vita che: in Gesù, il Padre riconcilia tutto e tutti a Se mediante l’azione dello Spirito.

Pertanto la loro vita in comune, la loro azione sacerdotale, ogni ambito della pastorale da loro svolta ha questa caratteristica propria: aiutare ogni persona alla riconciliazione con Dio, con se stessi, con gli altri, con l’ambiente che Dio dona all’umanità intera. A questo fine, i membri mettono particolare attenzione e cura:

1.- nella celebrazione del Sacramento della Riconciliazione;

2.- nel sostegno ai confratelli, sacerdoti o religiosi, in difficoltà;

3.- nella pastorale dei battezzati separati, divorziati, civilmente sposati e conviventi per i quali è difficile la vita ecclesiale e la consapevolezza della Riconciliazione;

4.- nel dialogo ecumenico con i fratelli di altre denominazioni cristiane presenti nel territorio;

5.- nel tentare con tutto l’impegno il dialogo con altre grandi religioni.

I membri della Fraternità, nonostante siano Sacerdoti secolari (incardinati in una Diocesi) e aspiranti al Sacerdozio, vivono in comunità ed il Vescovo diocesano affida loro i compiti pastorali nell’ambito della Diocesi stessa ed essendo consapevoli che soltanto nella vita comune, con la preghiera, si ottiene la prima riconciliazione che il Padre ha operato nel Suo Figlio fatto Uomo e che realizza mediante l’effusione del Suo Spirito, scelgono la vita in comune per vivere il loro particolare Carisma emettendo anche i voti privati di povertà, castità e obbedienza.

Centro Ecumenico